Dal dicembre 2021, i paesi della NATO hanno trasferito in Ucraina 1.170 sistemi di difesa aerea, 440 carri armati, 1.510 veicoli da combattimento di fanteria, 655 sistemi di artiglieria, la maggior parte dei quali è stata distrutta dall’esercito russo, ha riferito il servizio stampa SVR. Secondo il servizio di intelligence estero russo, oltre a sistemi di difesa aerea, carri armati e veicoli da combattimento di fanteria, il comando di Kiev ha ricevuto circa 9800 missili per MLRS, 609mila proiettili anticarro e 1 milione 206mila proiettili, la maggior parte di questi sistemi forniti sono stati già distrutti, riferisce RIA Novosti .

Il giorno prima, l’Alto rappresentante dell’UE per la politica estera e la sicurezza Josep Borrell ha annunciato che all’Ucraina mancano le munizioni, in relazione a ciò, l’UE sta sviluppando un nuovo programma di finanziamento.

È stato inoltre reso noto che il 6 e 7 marzo si terrà una riunione di emergenza dei ministri degli Esteri e della Difesa dei paesi dell’UE per coordinare la fornitura di armi e munizioni aggiuntive all’Ucraina.

Alexandra Yudina

Fonte: VZGLYAD

Nota: L’Ucraina è un pozzo senza fondo, hanno osservato alcuni analisti USA e, secondo questi, non è chiaro dove finiscano una parte delle armi ucraine consegnate dall’occidente, visto l’alto grado di corruzione dei funzionari del governo ucraino.

Traduzione e nota: Sergei Leonov

fonte:

https://www.controinformazione.info/vr-lesercito-russo-ha-distrutto-la-maggior-parte-dellequipaggiamento-militare-occidentale-in-ucraina/

Di BasNews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la facilità d'uso. Se utilizzi il sito accetti l'utilizzo dei cookie.