domenica, 13 Giugno 2021
Home Opinioni e Approfondimenti Sviluppo industriale, occupazione e investimenti. Rendere competitive attrattive aree produttive

Sviluppo industriale, occupazione e investimenti. Rendere competitive attrattive aree produttive

“Investimenti su infrastrutture, logistica, connettività, riduzione costi legati all’energia, qualità, estensione dei vantaggi della ZES anche alle aziende insediate e sostegni nei settori per cui la Basilicata è vocata, a partire da agroalimentare, green economy, servizi avanzati e automotive. La mancanza di una strategia di sviluppo e di una progettualità definita che

possa rendere attrattivo il nostro territorio, in particolare le aree

industriali a partire dalla Valbasento evidenzia la cifra

dell’inadeguatezza politica di questa maggioranza. Una criticità che si misura in maniera tangibile anche dalle numerose mobilitazioni generali, che oramai si susseguono, lanciate dalle segreterie regionali di Cgil, Cisl e Uil. Come quella di questa mattina al presidio davanti allo stabilimento Greenswitch, a Ferrandina (MT) a cui ho voluto essere presente. Dopo

Viggiano, la Valbasento è un altro luogo simbolo di aspettative ad oggi tradite di un cambiamento neanche. abbozzato, di investimenti fermi, di burocrazia che non si sblocca e di bonifiche ambientali arenate, per il quale i sindacati continuano a non avere confronto e dialettica con la giunta regionale sui temi dello sviluppo e del lavoro.”

Lo dichiara il Consigliere Regionale Luca Braia, capogruppo Italia Viva al termine della manifestazione sindacale in Valbasento.

“Infrastrutturazione e realizzazione di centrali a cogenerazione – prosegue Luca Braia – in grado di produrre energia termica ed elettrica e da trazione, alimentate a gas che – ricordiamo – avremo come Basilicata in forma gratuita per i prossimi 30 anni grazie alle intese sulle concessioni Total ed Eni. Ancora, la realizzazione della piattaforma logistica e dell’agroalimentare, la ZES da far partire seriamente anche a vantaggio delle imprese esistenti, le bonifiche da completare, la riduzione

dei costi per la logistica. Sono solo alcuni importanti aspetti del lungo elenco di questioni su cui né il Presidente Bardi né i suoi assessori si pronunciano mai concretamente, mentre perdura una situazione di crisi che la pandemia continua ad accentuare ulteriormente.

Dopo 24 mesi di Governo Regionale, infatti, nessuna direzione è stata tracciata per affrontare il dramma dello sviluppo e dell’occupazione in Basilicata. Nessuna discussione in Consiglio e nessun tavolo operativo aperto con le associazioni datoriali e sindacali. Da parte nostra, continuiamo a chiedere da mesi, inascoltati, quali siano le politiche industriali che saranno messe in campo nella nostra regione per sostenere e

rilanciare le aree industriali e artigianali, per rendere le stesse

attrattive anche di eventuali nuovi investimenti da parte delle imprese locali e magari extra regionali.

La Valbasento per posizione strategica straordinaria, prossima area doganale e retroporto del Porto di Taranto, potrebbe se rilanciata essere locomotore della ripresa e, insieme alle altre aree produttive lucane, trainare l’intera economia regionale. Certo, se solo si avesse la lungimiranza e la visione di programmare e realizzare tutto quello che è oggi ancora più possibile, grazie alle ingenti e mai viste prima risorse economiche che prossimamente saranno disponibili, relativamente agli interventi europei di sostegno del Next Generation EU, oltre che ai nuovi fondi strutturali 2021-2027.

Ora o mai più, bisogna investire per infrastrutturare e sostenere

virtuosamente il sistema delle imprese, a partire da quelle locali e rendere così competitiva e conveniente la localizzazione di iniziative che riducano i costi dei servizi dell’energia e del trasporto delle merci. A partire da quelle agricole, promuovendo a livello nazionale questa programmazione e facendo accordi tra istituzioni, parti sindacali e datoriali per la formazione, la conversione e l’utilizzo delle intelligenze, delle professionalità e della manodopera locale. Creando lavoro e futuro oltre che generando ulteriore economia.

Presidente Bardi – conclude Braia -convochi e apra quanto prima il tavolo dello sviluppo in Basilicata e si renda disponibile al confronto e al contributo di tutti. In gioco non c’è il destino di un uomo o di un partito e nemmeno del centro destra, ma della Basilicata tutta che lei deve rappresentare.

*Luca Braia, **Consigliere Regionale

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

ULTIMI ARTICOLI INSERITI

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi