sabato, 12 Giugno 2021
Home Info Dall'Italia e dal Mondo Nestlé ammette: la maggior parte dei suoi prodotti non è salutare

Nestlé ammette: la maggior parte dei suoi prodotti non è salutare

La multinazionale svizzera del cibo e delle bevande Nestlé ha ammesso che la maggior parte dei suoi prodotti sono malsani e che alcuni di essi non potranno mai essere considerati salutari, indipendentemente da quanto si rinnovano, riporta il Financial Times, citando documenti interni dell’azienda a cui ha avuto accesso.

Secondo il quotidiano, il documento è stato preparato all’inizio di quest’anno e distribuito ai vertici dell’azienda. Indica che solo il 37% degli alimenti e delle bevande prodotti da Nestlé ha ottenuto un punteggio di oltre 3,5 punti in un sistema di valutazione australiano con un punteggio massimo di 5 stelle, utilizzato dagli esperti del settore in tutto il mondo. 

Questi prodotti escludono cibo per bambini, per persone con determinate condizioni mediche, per animali domestici e caffè normale.

All’interno del portafoglio globale di prodotti alimentari e bevande della multinazionale svizzera, circa il 70% non ha raggiunto le 3,5 stelle necessarie per ottenere una “definizione riconosciuta di salute”. Di questi, il 96% delle bevande e il 99% dei prodotti del comparto pasticceria e gelateria non ha raggiunto i 3,5 punti. Tuttavia, l’82% delle acque minerali e il 60% dei prodotti lattiero-caseari hanno ottenuto punteggi superiori a questa cifra.

“Genera denaro il più rapidamente e nella maggior quantità possibile”

“Abbiamo apportato miglioramenti significativi ai nostri prodotti, [ma] il nostro portafoglio ha ancora prestazioni inferiori alle definizioni esterne di salute in un ambiente in cui la pressione normativa e le richieste dei consumatori sono alle stelle”, ha evidenziato il documento di Nestlé.

L’azienda afferma di lavorare affinché i suoi prodotti aiutino a soddisfare le esigenze nutrizionali dei consumatori e promuovano una dieta equilibrata.

Dal canto suo, un’esperta di nutrizione citata dal Financial Times ritiene che gli sforzi di questaa e di altre aziende del settore difficilmente potranno concretizzarsi . “Il compito delle aziende alimentari è quello di generare denaro per gli azionisti e generarlo il più rapidamente e nella maggior quantità possibile. Venderanno prodotti [cibo spazzatura] che raggiungono un pubblico di massa e vengono acquistati da quante più persone possibile. “, ha affermato Marion Nestle, professoressa alla Cornell University negli Stati Uniti.

fonte: l’antidiplomatico – https://www.lantidiplomatico.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

ULTIMI ARTICOLI INSERITI

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi