venerdì, 17 Settembre 2021
Home Comuni Rionero La Federazione Popolare a Rionero e in Italia

La Federazione Popolare a Rionero e in Italia

E’ una prova della tenuta del nostro partito, Rinascita Popolare prima (fondato nel 2012 da Publio Fiori) e ora confluito nella Federazione Popolare dei Democratici Cristiani (l’atto costitutivo è del settembre 2019). Abbiamo fondato la Federazione Popolare con lo scopo di tenere unite tutte le sigle che a vario titolo si erano formate dopo la frantumazione della Democrazia Cristiana e dopo l’esperienza del Partito Popolare. La Federazione Popolare vuole fare sintesi. In Italia siamo 43 gruppi politici, movimenti politici e associazioni che guardano la politica da vicino. Dopo queste elezioni amministrative la Federazione Popolare si darà una struttura di vertice e periferica temporanea, aprirà il tesseramento, faremo i congressi, finalmente avremo gli eletti e non i nominati. E sarà una grande conquista. L’Italia ha bisogno dei cristiani che fanno riferimento a un partito che abbia solide radici ideali e un impianto teorico che le consenta di intuire, di capire i percorsi politici, i programmi, le strategie, tutti volti al bene, cioè una visione antropologica che metta tutti al sicuro e al riparo. E’ con questa visione che l’Italia, uscita dalla guerra, ha velocemente riacquistato pacificazione interna, credibilità internazionale, progresso e prosperità economica tale che nel 1991 era divenuta la quinta potenza economica ed industriale nel mondo. Aveva grandi uomini che la guidavano, grandi statisti che la governavano, riferimenti importanti e soprattutto credibili presenti anche negli altri partiti. La frantumazione della Democrazia Cristiana e del Partito Popolare ha provocato dispersione, divisione, assenza di prospettive, si vaga nell’incerto, si passa da un partito ad un altro con disinvoltura perché si è perduto il senso di appartenenza come se non si avesse una identità, crediamo di essere forti ma siamo deboli, per assenza di sicurezza non troviamo i giusti ripari.
La vita va avanti, il mondo cambia e la storia pure ma la prospettiva, quella no. Il nostro progetto politico rimane la dottrina sociale della Chiesa, “le raccomandazioni” dei nostri teologi e dei nostri filosofi che ci indicano la strada da percorrere. E sono quelle, “le raccomandazioni”, le uniche a dare certezza e riparo. In questo ambito facciamo politica nella Federazione Popolare. A Rionero siamo stati incerti, sulle prime, se presentarci da soli come partito identitario od insieme con altri gruppi politici. Il sistema elettorale maggioritario ha consigliato la seconda soluzione. Ora ci siamo. Abbiamo stretto un rapporto politico-amministrativo con Fratelli d’Italia, Lega, alcuni gruppi indipendenti, nelle ultime ore con Italia Viva e con altri gruppi ancora. Una forte aggregazione voluta soprattutto da noi Popolari e da Fratelli d’Italia, principali partiti che a Rionero sono strutturati e consolidati, con lo scopo di vincere questa sinistra che ha malgovernato Rionero, come tutti sappiamo. Noi Popolari abbiamo 4 candidati in lista: Maria Rosaria Curto, Franco Del Buono, Michele Grieco, Caterina Traficante (detta Katia). Ora per le elettrici e gli elettori di Rionero non ci sono alibi: i democristiani e i popolari ci sono, e si trovano nell’unico partito-identità, Federazione Popolare, che fa espressamente riferimento alla storia e alla tradizione dei Dc e dei Popolari con un impianto teorico fondamentale e un progetto politico che guarda lontano.

Pasquale Tucciariello: segretario regionale Federazione Popolare

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

ULTIMI ARTICOLI INSERITI

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi