venerdì, 30 Luglio 2021
Home Info Dall'Italia e dal Mondo Fondazione Edison lo certifica. Contro i lavoratori italiani una rapina in stile...

Fondazione Edison lo certifica. Contro i lavoratori italiani una rapina in stile Ottocento

Cura di ferro italiana. Oggi sul Sole un articolo che parla di uno studio della Fondazione Edison sull’industria italiana. Ben 830 articoli, tra primo, secondo posto e terzo posto a livello europeo, generano 140 miliardi di avanzo commerciale.

Nella stessa dinamica di quest’anno, fatto 105 l’indice di export  siamo a maggio a 120, 10 punti in più della Germania, 15 punti in piu della Francia. A livello mondiale siamo terzi in 313 prodotti. E, ma come è possibile? La fondazione edison ci tiene a sottolineare che la produttività del lavoro è più alta che in Germania. 

Questo è quanto. Abolizione decreto dignità, sblocco dei licenziamenti, la deflazione salariale si fa sempre più feroce. Assieme all’aumento di produttività, c’è una rapina di plusvalore a danno dei lavoratori ottocenteschi. Draghi vuole questo scenario, lavora per questo. Il massacratore della Grecia, ora massacra ancor di più il nostro Paese. Gli storici dell’economia tra qualche decenni, quelli obiettivi, vedranno il massacro lavorativo e si chiederanno come è stato possibile. I media intanto parlano di ben altro, per occultare questa rapina di massa.

Pasquale Cicalese

Economista. Nato a Crotone, laureato in Scienze Politiche. Sposato con Stefania, ha due figli, David e Dario. È impiegato alla Regione Calabria. Autore di “Piano contro mercato. Per un salario sociale di classe” (L.A.D., 2020)

fonte: l’antidiplomatico – https://www.lantidiplomatico.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

ULTIMI ARTICOLI INSERITI

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi