mercoledì, 20 Ottobre 2021
Home Opinioni e Approfondimenti Festa della Repubblica. Riflessioni in breve

Festa della Repubblica. Riflessioni in breve

La festa della Repubblica italiana dovrebbe essere la celebrazione della democrazia e della libertà, in un tempo in cui la democrazia è in crisi. La gravità dei problemi da affrontare trova sempre più difficile soluzione, perché la politica opera sul contingente e nel breve termine e non su una visione di lungo periodo che possa garantire benefici duraturi per i cittadini e per i Paesi.
Il sistema politico italiano è degenerato fin dai tempi della Prima Repubblica, a cui è seguita la personalizzazione della politica basata sui partiti di plastica, sui congressi karaoke e su falsi problemi. Ci siamo trovati nella Terza Repubblica con una situazione deflagrata in campo finanziario economico e sociale, con in più il fenomeno non governato dell’immigrazione. Non c’è visione condivisa di società fondata su valori etici morali e civili né del loro sviluppo. C’è invece opacità del sistema dei partiti che tuttora sono associazioni private. Siamo passati dalla rappresentanza alla rappresentazione, amplificata da annunci iper-semplificati sui social da parte della politica. Manca il passaggio da suddito a cittadino, che avviene attraverso l’educazione alla democrazia.
Premesso che la politica richiede preparazione, dedizione, competenze e capacità, che non sono improvvisabili, occorre ricostituire un tessuto, distrutto dalla società individualizzante, fatto di associazioni, realtà territoriali, luoghi di incontro, discussione, confronto e condivisione. Per queste ragioni il nostro centro studi è sorto, come luogo di analisi, di elaborazione, di discussione, di proposta, di sintesi.
C’è bisogno di una politica più garbata e meno violenta, ma anche di una domanda di politica più vicina ai cittadini, partecipata, e consapevole del senso del bene comune tanto caro ai filosofi dell’antica Grecia, che però dopo 2500 anni, quel senso di bene comune ha difficoltà ad affermarsi come categoria politica e civile. C’è bisogno di una democrazia fondata sulla ragione e sul cuore in perfetta alchimia, perché è di esseri umani che si parla e non di oggetti di analisi. Non bastano discorsi di occasione. Come si fa a pensare al tutto che trascende e rafforza l’individuo e la sua libertà se viviamo nella società della solitudine?
Le Frecce tricolori che passano sul nostro Paese emozionandoci e abbracciando quell’ “essere tutti più soli” siano stimolo a rendere concreti gli ideali, i valori e i principi dell’unità e della libertà, della dignità della persona umana e della giustizia. C’è lavoro per tutti, c’è lavoro per realizzare la politica come bene.
Nina Chiari, Centro Studi Leone XIII.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

ULTIMI ARTICOLI INSERITI

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi