venerdì, 17 Settembre 2021
Home Opinioni e Approfondimenti Centro Eccedenze alimentari: progetto per la comunità

Centro Eccedenze alimentari: progetto per la comunità

Il vicepresidente del Consiglio regionale della Basilicata (Polese) nel dirsi orgoglioso di aver contribuito alla realizzazione, ricorda che fu l’ispiratore della Legge per il ‘Contrasto al disagio sociale mediante l’utilizzo di eccedenze alimentari e non’

“E’ stata per me una grandissima soddisfazione aver assistito all’inaugurazione ieri del nuovo Centro logistico per le Eccedenze alimentari a Potenza”. Lo dichiara il vicepresidente del Consiglio regionale della Basilicata, Mario Polese di Italia Viva. “Non sono frasi di circostanza e quanto mai in questa occasione. E’ con profondo orgoglio, infatti, che mi sento di ringraziare il mio amico Francesco Romagnano dell’associazione ‘Io Potentino onlus’ che fin dal 2014 mi lanciò questa sfida. Oggi, che quel percorso partito 7 anni fa ha raggiunto una tappa così importante, non posso che essere felice insieme a tutta la comunità lucana che ha lavorato alla realizzazione di quello che all’inizio sembrava un sogno irraggiungibile”.

Mario Polese che da consigliere regionale nella scorsa legislatura fu l’ispiratore della Legge, poi approvata all’unanimità nel 2015 per il ‘Contrasto al disagio sociale mediante l’utilizzo di eccedenze alimentari e non’ ricorda: “La Regione Basilicata è stata lungimirante essendo la prima in Italia ad aver proposto una legge che riesce a coniugare solidarietà verso i bisognosi, promozione del volontariato come forza di eccellenza e cultura ecologica al fine di combattere il fenomeno del consumismo esasperato e della povertà. Una legge che ha trovato anche il supporto attuativo dell’attuale maggioranza regionale e che tende una mano ai più bisognosi e rafforza le politiche di solidarietà e beneficenza”. “Sono queste – conclude il vicepresidente del Consiglio regionale della Basilicata – le azioni che riabilitano la politica e per le quali bisogna spendersi sempre più concretamente al fine di rendere il nostro un mondo più inclusivo e più equo”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

ULTIMI ARTICOLI INSERITI

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi